Home | Il Progetto | Gli Autori | Il mosaico | Le mappe concettuali |

La civiltà greca
L'Italia antica
La civiltà etrusca

La civiltà romana
Roma: la monarchia

La leggenda della fondazione di Roma
I sette re di Roma
Tra storia e leggenda
Tecnologia: i ponti
Roma: la repubblica
L'organizzazione repubblicana
La società romana
Le lotte tra patrizi e plebei
Le conquiste della plebe
Roma conquista l'Italia
Roma conquista il Mediterraneo
Le invincibili legioni romane
Vita quotidiana
La fine della repubblica
Tecnologia: le strade
Roma: l'Impero
L'impero romano
Città romane nell'impero
I circhi e gli anfiteatri
Le terme
Le case romane
Pompei
La religione
Il Cristianesimo
La crisi dell'impero
Tentativi di risolvere la crisi
I Germani
La fine dell'Impero d'Occidente
L'Occidente all'epoca delle invasioni

LA CIVILTÁ ROMANA

Le terme

 

Le terme erano dei grandi bagni pubblici che comprendevano anche ristoranti, palestre e biblioteca.

C'erano terme sia per ricchi che per poveri, per uomini e per donne.

Lì si poteva leggere, chiacchierare, giocare e farsi massaggiare.

Le terme erano composte da tre vasche.

Una aveva acqua calda (Caldarium), una quella tiepida (Tiepidarium) e la terza fredda (Frigidarium).

Un famoso scrittore di nome Seneca, che amava la quiete e il silenzio, raccontò che nelle terme popolari, sopra le quali abitava, sentiva solo chiasso e che in quei momenti avrebbe voluto essere sordo.

Quelli che facevano chiasso erano persone che non sapevano giocare a palla senza gridare e venditori che urlavano per vendere la merce.

Lì non c'era romano che non vi andasse.

Stefano

A.S. 2009-10 - Classe Quinta
Scuola Primaria di Zoppè - IC San Vendemiano, Treviso
Insegnanti Patrizia Bolzan e Sandra Feltrin