Home | Il Progetto | Gli Autori | Il mosaico | Le mappe concettuali |

La civiltà greca
L'Italia antica
La civiltà etrusca

La civiltà romana
Roma: la monarchia

La leggenda della fondazione di Roma
I sette re di Roma
Tra storia e leggenda
Tecnologia: i ponti
Roma: la repubblica
L'organizzazione repubblicana
La società romana
Le lotte tra patrizi e plebei
Le conquiste della plebe
Roma conquista l'Italia
Roma conquista il Mediterraneo
Le invincibili legioni romane
Vita quotidiana
La fine della repubblica
Tecnologia: le strade
Roma: l'Impero
L'impero romano
Città romane nell'impero
I circhi e gli anfiteatri
Le terme
Le case romane
Pompei
La religione
Il Cristianesimo
La crisi dell'impero
Tentativi di risolvere la crisi
I Germani
La fine dell'Impero d'Occidente
L'Occidente all'epoca delle invasioni

LA CIVILTÁ ROMANA

Tecnologia: costruzione delle strade

Prima le strade erano di terra battuta e collegavano i villaggi vicini. Erano corte e i mercanti le percorrevano per trasportare le loro merci.

Dopo i Romani costruirono delle strade larghe fino 5 metri per fare passare i carri.

Prima scavavano una buca profonda 2 metri, poi la coprivano con 4 strati di pietre, sassi, argilla e sabbia così l'acqua della pioggia andava sotto, infine mettevano lastre di pietre lisce.

Al centro la strada era leggermente rialzata per permettere all'acqua di scorrere giù.

Le strade avevano anche il passaggio pedonale costruito con grandi blocchi di pietra e i marciapiedi, che erano più alti della strada.

Le strade dei Romani percorrevano tutta l'Italia e l'Impero ed erano lunghe e famose.

Erano dritte e se c'era un ostacolo lo superavano con un ponte o con una galleria.

Lungo le vie principali si trovavano dei CIPPI sui quali era incisa la distanza tra Roma e la città verso cui si era diretta.

Le strade prendevano il nome da chi decideva di costruirle.

Jessica e Samuele

A.S. 2009-10 - Classe Quinta
Scuola Primaria di Zoppè - IC San Vendemiano, Treviso
Insegnanti Patrizia Bolzan e Sandra Feltrin