Home | Il Progetto | Gli Autori | Il mosaico | Le mappe concettuali |

La civiltà greca
L'Italia antica
La civiltà etrusca

La civiltà romana
Roma: la monarchia

La leggenda della fondazione di Roma
I sette re di Roma
Tra storia e leggenda
Tecnologia: i ponti
Roma: la repubblica
L'organizzazione repubblicana
La società romana
Le lotte tra patrizi e plebei
Le conquiste della plebe
Roma conquista l'Italia
Roma conquista il Mediterraneo
Le invincibili legioni romane
Vita quotidiana
La fine della repubblica
Tecnologia: le strade
Roma: l'Impero
L'impero romano
Città romane nell'impero
I circhi e gli anfiteatri
Le terme
Le case romane
Pompei
La religione
Il Cristianesimo
La crisi dell'impero
Tentativi di risolvere la crisi
I Germani
La fine dell'Impero d'Occidente
L'Occidente all'epoca delle invasioni

LA CIVILTÁ ROMANA

L'organizzazione repubblicana

I senatori
Senatori

sceglievano i magistrati:
1- censori
Censore
2- edili
Edile
3- questori
Questore
4- pretori
Pretore

Finita la monarchia iniziò la repubblica, al posto di un re ci furono due consoli che rimanevano in carica per un anno.

Le leggi si approvavano solo se i due consoli erano d'accordo; ad aiutare i consoli c'erano quattro gruppi di persone:

i pretori: erano come dei giudici.

gli edili: erano incaricati all'edilizia.

i questori :controllavano i fondi dello Stato.

i censori: contavano i membri di ogni famiglia e stabilivano quante tasse doveva pagare ogni famiglia.

Infine c'erano i senatori, o anziani, che proclamano i consoli e i magistrati.

Se succedeva una disgrazia a uno dei consoli tutto il potere rimaneva in mano a una persona, il dittatore, che però poteva rimanere in carica al massimo per sei mesi.

Adem e Guido

A.S. 2009-10 - Classe Quinta
Scuola Primaria di Zoppè - IC San Vendemiano, Treviso
Insegnanti Patrizia Bolzan e Sandra Feltrin