Home | Il Progetto | Gli Autori | Il mosaico | Le mappe concettuali |

La civiltà greca
L'Italia antica
La civiltà etrusca

La civiltà romana
Roma: la monarchia

La leggenda della fondazione di Roma
I sette re di Roma
Tra storia e leggenda
Tecnologia: i ponti
Roma: la repubblica
L'organizzazione repubblicana
La società romana
Le lotte tra patrizi e plebei
Le conquiste della plebe
Roma conquista l'Italia
Roma conquista il Mediterraneo
Le invincibili legioni romane
Vita quotidiana
La fine della repubblica
Tecnologia: le strade
Roma: l'Impero
L'impero romano
Città romane nell'impero
I circhi e gli anfiteatri
Le terme
Le case romane
Pompei
La religione
Il Cristianesimo
La crisi dell'impero
Tentativi di risolvere la crisi
I Germani
La fine dell'Impero d'Occidente
L'Occidente all'epoca delle invasioni

LA CIVILTÁ ROMANA

La crisi dell'Impero

A partire dal III secolo d.C. l'Impero Romano cominciò a decadere e le cause furono molte.

1. La vastità dell'impero - L'impero era molto esteso e ben organizzato, perciò tutt'intorno popoli sempre più agguerriti cercavano di conquistarlo saccheggiando le ricche città. Anche se la rete stradale fu ben sviluppata, non si poteva reagire ai disordini che scoppiavano nelle province più lontane perchè erano difficilmente raggiungibili.

2. La povertà della gente Nei primi secoli, Roma aveva goduto di molte ricchezze, ma alla fine anche la produzione agricola e i commerci erano diminuiti. I carri e le navi dei mercanti erano assaliti dai vandali e dai banditi. Anche i piccoli poderi erano andati in rovina a causa delle guerre e dalle potenti tasse.

3. La mancanza di guida nell'esercito e nel governo Roma aveva bisogno di un esercito sempre più grande, perciò doveva arruolare soldati stranieri. Questi, però,non combattevano per la patria, ma per denaro, quindi erano più fedeli ai loro comandanti che a Roma.

4. La diffusione del Cristianesimo - La religione cristiana, che non voleva guerra e schiavi ma parlava di fratellanza e pace, impedì alla popolazione di entrare in conflitto e in guerra.

Marco

 

Le cause della decadenza dell'Impero Romano

•  La vastità dell'impero - L'impero era diventato sempre più grande ed era più difficile difenderlo dai popoli nemici.

•  La povertà della gente La produzione agricola era sempre più scarsa perché diminuivano gli schiavi prigionieri di guerra che lavoravano nelle grandi proprietà terriere dei patrizi e i piccoli poderi andavano in rovina per le guerre e le forti tasse. Anche il commercio era diminuito a causa degli attacchi dai pirati sul mare e i banditi sulle strade.

•  La mancanza di guida nell'esercito e al governo A causa della grandezza dell'impero furono arruolati molti soldati stranieri che combattevano non per la patria, ma per i soldi. I generali poi approfittavano dell'esercito per farsi eleggere imperatori e erano più impegnati a rimanere sul trono che a governare l'impero.

•  La diffusione del Cristianesimo La religione cristiana, con il suo messaggio di pace e fratellanza, escludeva la schiavitù e la guerra e quindi era contro il modo di vivere e di pensare dei Romani.

Andrea

A.S. 2009-10 - Classe Quinta
Scuola Primaria di Zoppè - IC San Vendemiano, Treviso
Insegnanti Patrizia Bolzan e Sandra Feltrin