Home | Il Progetto | Gli Autori | Il mosaico | Le mappe concettuali |

La civiltà greca
L'Italia antica
La civiltà etrusca

La civiltà romana
Roma: la monarchia

La leggenda della fondazione di Roma
I sette re di Roma
Tra storia e leggenda
Tecnologia: i ponti
Roma: la repubblica
L'organizzazione repubblicana
La società romana
Le lotte tra patrizi e plebei
Le conquiste della plebe
Roma conquista l'Italia
Roma conquista il Mediterraneo
Le invincibili legioni romane
Vita quotidiana
La fine della repubblica
Tecnologia: le strade
Roma: l'Impero
L'impero romano
Città romane nell'impero
I circhi e gli anfiteatri
Le terme
Le case romane
Pompei
La religione
Il Cristianesimo
La crisi dell'impero
Tentativi di risolvere la crisi
I Germani
La fine dell'Impero d'Occidente
L'Occidente all'epoca delle invasioni

LA CIVILTÁ ROMANA

Città romane nell'impero

Con la fine delle conquiste, i soldati romani, dovendo controllare i territori conquistati, iniziarono a costruire degli accampamenti che pian piano assunsero lo stile della città di Roma.

Il luogo in cui si stabilivano era scelto con cura e questi insediamenti erano attraversati da due vie, una di nome Cardo, che si sviluppava da nord a sud, e l'altra di nome Decumano, che partiva a est per finire a ovest.

Inizialmente questi accampamenti erano costituiti da semplici tende, ma nel tempo vennero sostituite da case in legno.

Alcuni soldati, infine, portarono lì le proprie famiglie mentre altri si sposarono con donne del posto e così la popolazione ebbe una crescita: quell'umile villaggio diventò, poco a poco, una vera e propria città in muratura a forma di scacchiera.

Infine vennero costruiti templi, anfiteatri, circhi, palestre e terme; fu da allora che la vita dura e faticosa dei soldati sì ammorbidì.

In Emilia-Romagna esiste ancor oggi una città che ricalca questo modello; si crede possa essere stata un'antica città romana la cui via principale è la via Emilia.

Nicole e Samuel

A.S. 2009-10 - Classe Quinta
Scuola Primaria di Zoppè - IC San Vendemiano, Treviso
Insegnanti Patrizia Bolzan e Sandra Feltrin