Home | Il Progetto | Gli Autori | Il mosaico | Le mappe concettuali |

La civiltà greca
• Le poleis
Sparta
Atene
Democrazie antiche e moderne
Le colonie greche
Navigazione e commerci
La religione
I templi
La mitologia
Le Olimpiadi
La decadenza delle poleis
Alessandro Magno
La cultura giunta fino a noi

L'Italia antica
La civiltà etrusca
La civiltà romana

LA CIVILTÁ GRECA

Le poleis

I Greci non ebbero mai uno Stato unico, ma formarono delle città-stato chiamate poleis; erano città quasi uguali per come erano strutturate, ma le loro culture erano diverse.

Le poleis erano circondate da una cinta di mura che serviva a difendersi dai nemici e separava le zone coltivate dalla città.

Ogni poleis aveva una palestra per gli allenamenti
Il ginnasio per gli allenamenti
e un teatro che si presentava con una grande gradinata a forma di semicerchio dove si sedevano gli spettatori; lì venivano rappresentate commedie e tragedie.

Le abitazioni fuori dalle mura facevano sempre parte delle poleis. Le case, a uno o a due piani, erano di mattoni e le più grandi erano divise in due parti: una per gli uomini e una per le donne chiamata gineceo.

Nella città bassa sorgevano le case, le botteghe degli artigiani e alcuni edifici.

Nella città alta, o acropoli, c'erano i principali edifici pubblici: il tribunale e i templi dedicati agli dei. L'acropoli era anche l'ultimo rifugio in caso di attacco nemico.
Le abitazioni Polis

Si trattava di immense costruzioni di marmo, decorate con sculture e pitture.

Motivo ornamentale Motivo ornamentale
Decorazioni

Al centro c'era la piazza della città chiamata agorà, era la sede del mercato.

L'acropoli

 

Il governo delle poleis

Nelle città micenee comandava il re insieme alle famiglie potenti e ricche, nelle poleis, invece, sorse una forma di governo nuova, infatti erano i cittadini a governare e prendere decisioni importanti per il buon funzionamento della città.

Aaron e Gianluca

 

Il teatro

Il teatro fu inventato dai Greci ed è di forma ovale.

Teatro

 

Le tragedie rappresentano storie tristi e le commedie rappresentano storie allegre.

Il luogo dove le persone si sedevano si chiamava cavea e dove si recitava si chiamava skenè.

Ogni polis aveva un teatro che era situato tra due colline.

Ancor oggi, in certi paesi del mondo, le tragedie e le commedie vengono rappresentate nei teatri Greci e sono un forte richiamo per le persone che possono così riflettere sui problemi dell'uomo.

Guido ed Aaron
A.S. 2009-10 - Classe Quinta
Scuola Primaria di Zoppè - IC San Vendemiano, Treviso
Insegnanti Patrizia Bolzan e Sandra Feltrin