Home | Il Progetto | Gli Autori | Il mosaico | Le mappe concettuali |

La civiltà greca
L'Italia antica
La civiltà etrusca

La civiltà romana
Roma: la monarchia

La leggenda della fondazione di Roma
I sette re di Roma
Tra storia e leggenda
Tecnologia: i ponti
Roma: la repubblica
L'organizzazione repubblicana
La società romana
Le lotte tra patrizi e plebei
Le conquiste della plebe
Roma conquista l'Italia
Roma conquista il Mediterraneo
Le invincibili legioni romane
Vita quotidiana
La fine della repubblica
Tecnologia: le strade
Roma: l'Impero
L'impero romano
Città romane nell'impero
I circhi e gli anfiteatri
Le terme
Le case romane
Pompei
La religione
Il Cristianesimo
La crisi dell'impero
Tentativi di risolvere la crisi
I Germani
La fine dell'Impero d'Occidente
L'Occidente all'epoca delle invasioni

LA CIVILTÁ ROMANA

La civiltà romana

OGGI e UN TEMPO

Roma oggi è la capitale d'Italia. Veniva chiamata “Caput Mundi”capitale del mondo.

È una città che offre molti reperti archeologici molto importanti, come il Colosseo che una volta ospitava battaglie tra gladiatori e bestie feroci.

Aveva molte gradinate che servivano per far accomodare gli spettatori, i senatori e l'imperatore, ed era ombreggiato da tende che oggi non ci sono più.

Il Foro era il centro dell'antica civiltà dove sorgevano i più importanti edifici, oggi rimane ben poco del foro. Le mura furono costruite da Servio Tullio per difendere la città.

Roma una volta era suddivisa in sette colli: Campidoglio, Quirinale, Viminale, Palatino, Aventino, Esquilino, Celio, dove vivevano pastori e contadini.

Sorgevano vicino al Tevere, per questo avevano acqua in abbondanza.

Vicino ai colli c'era una rotta commerciale tra Etruschi e i Greci e quindi gli abitanti, venendo a contatto con questi popoli più progrediti, si svilupparono molto.

La via principale era la via del sale (Salaria). Gli Etruschi costruirono magazzini dove contenere il sale e cibo cosparso di sale per una migliore conservazione. Oltre alla coltivazione il popolo era dedito alla pesca e alla caccia praticate nelle acque del Tevere e nei vicini boschi.

Importante fu il baratto con gli stranieri che passavano di lì con le carovane perchè anche questo portò ricchezza.

I colli si unirono formando una grande città: Roma, che diventerà sovrana del Mar Mediteraneo.

Samuel e Giovanni

A.S. 2009-10 - Classe Quinta
Scuola Primaria di Zoppè - IC San Vendemiano, Treviso
Insegnanti Patrizia Bolzan e Sandra Feltrin