Home | Il Progetto | Gli Autori | Il murale | Le mappe concettuali |


Le civiltà della Mesopotamia
...I Sumeri
...I Babilonesi
...Gli Assiri
La civiltà egizia
La civiltà egizia oggi e un tempo
La formazione del regno
Il Faraone
L'Egitto nel tempo
Il lavoro dei contadini
Navigare sul Nilo senza fatica
La religione e gli dei
Un mito egizio
L'oltretomba
Le piramidi
La tomba di Tutankhamon
La piramide sociale
Vita quotidiana
La scrittura egizia
Ricette, amuleti
Arte

La civiltà dell'Indo
La civiltà cinese


Gli Ebrei

La civiltà dei Fenici

La civiltà Cretese
La civiltà Micenea

Gli Egizi

Il lavoro dei contadini

Il lavoro dei campi

Siccome a settembre le acque del Nilo erano al livello dei campi, i contadini si dedicavano ai lavori in casa, aggiustavano attrezzi e ne preparavano di nuovi e riparavano le case.

A ottobre e novembre, quando le acque cominciavano a ritirarsi dai campi, i contadini cominciavano a seminare: grano, frumento e soprattutto orzo. Dopo la semina mollavano asini, pecore e buoi in modo che, camminando, interrassero le sementi.

Per difendersi dalle inondazioni i contadini costruivano dei bacini.
La maggior parte degli Egiziani erano contadini che avevano le case fatte di paglia insieme a fango secco.

A giugno, quando le spighe erano mature, venivano tagliate e a luglio e agosto si procedeva alla trebbiatura e all'immagazzinamento.

L'immagazzinamento

Le spighe venivano tagliate e messe dentro una grande cesta o una grande rete e venivano portate in un'aia. Lì venivano fatti camminare degli animali che, con le loro zampe, dividevano il grano dalle spighe.
In una giornata di aria uomini e donne prendevano il grano dai cesti e lo lanciavano in aria. L'aria portava via la pula (resti di grano) e lasciava i soli grani che venivano raccolti e portati nei magazzini del Faraone.

Andrea e Stefano

 

LO SHADUF

Lo shaduf
Permetteva di portare le acque in zone più alte rispetto al corso del Nilo.

 

Il lavoro dei contadini

Il fiume Nilo cominciava ad ingrossarsi a giugno.

Il livello delle sue acque saliva fino a settembre e poi il fiume straripava e allagava tutti i campi.

Le acque si ritiravano dalle campagne tra ottobre e novembre, allora i contadini aravano i campi e seminavano il frumento.

Poi i contadini facevano camminare sopra la terra le pecore e le capre per interrare i semi.

A giugno il grano era maturo e veniva tagliato e raccolto in cesti. Dopo veniva portato nell'aia per essere trebbiato: gli asini e i buoi calpestavano le spighe per far uscire i chicchi.

Infine i chicchi venivano messi nei cesti e portati nei magazzini del Faraone.

Jessica e Samuele

A.S. 2008-09 - Classe Quarta
Scuola Primaria di Zoppè - IC San Vendemiano, Treviso
Insegnanti Patrizia Bolzan e Sandra Feltrin