Benvenuto , il GranCaffèTeam augura buona navigazione

Login utente
Utente
Password
Ricordami


Non sei ancora registrato? Puoi farlo adesso!. Come utente registrato avrai diversi vantaggi come la gestione dei temi grafici, la possibilità di inviare notizie e commenti.

Benvenuto ospite
Utenti:  Utenti:
Ultimo:  Nuovi oggi: 0
Ultimo:  Nuovi ieri: 0
Ultimo:  Totali: 7461
Ultimo:  Ultimo:
irlsocial2
Utenti:  Collegato
Utenti:  Utenti: 0
Ospiti:  Ospiti: 113
Totali:  Totali: 113
Utenti:  Utenti collegati
Nessun utente collegato
Menu principale
Nel sito...
Utility
Ci segnalano...
Newsletter per la formazione in rete

Annali dell'istruzione


Consultazione


il motore di ricerca ecologico
per bambini e ragazzi


L’italiano. Lezioni semiserie  

Categoria. : Letteratura


Autore : Beppe Severgnini

ISBN : 3333333

Descrizione : «Ho scritto L’italiano — Lezioni semiserie per denunciare le violenze contro la nostra lingua, ma non chiedo condanne. Lo scopo è la riabilitazione. Scrivere bene si può. L’importante è capire chi scrive male, e regolarsi di conseguenza. Questo è un libro ottimista, e ha un obiettivo dichiarato: aiutarvi a scrivere in maniera efficace (un’email, una relazione, una tesi o un breve saggio: la tecnica non cambia). Si parte dal Decalogo Diabolico e si arriva ai Sedici Semplici Suggerimenti (metà appresi da Montanelli, metà ispirati a Flaiano). Ogni capitolo si chiude con un testo un quiz: una forma blanda di sadomasochismo, che certamente apprezzerete. Scrivo per mestiere dal remoto 1979 — avevo ventidue anni, i capelli neri e l’avverbio facile — e penso di conoscere alcuni trucchi. Trucchi onesti, che si possono insegnare (per esempio: come usare i due punti, il più sexy tra i segni d’interpunzione; come scegliere un aggettivo; quando rinunciare al congiuntivo; come evitare due “che” in una frase, tanto brutti da essere illegali). Quindici anni fa ho scritto L’inglese — Lezioni semiserie (aggiornato fino al 2002, venti edizioni Bur). Adesso voglio provarci con l’italiano. Sono convinto che si possa imparare a scrivere bene, senza troppa fatica, e divertendosi. Se non ci riuscirete, mi prendo la colpa. Se ce la farete, sarà merito vostro. Affare fatto?»

Pubblicazione aggiunta il : 10-May-2008 da alexgiggi
Voti: 0
Segnala link interrotto

Crediti Powered by MDPro